mercoledì 17 ottobre 2012

Robe da non credere

Perché la burocrazia italiana, e in special modo quella universitaria, assume contorni che hanno dell'incredibile. E dell'assurdo. Non so neanche da che parte cominciare a raccontare, ma mi sa che è meglio partire dall'inizio. Sicuramente sarò confusa, ma visto che è uno sfogo mi perdonerete, lo so.
Diciamo che, avendo io già due lauree, una triennale e una magistrale, e dovendo in pratica fare solo un percorso abbreviato per ottenerne una terza, con vari esami della precedente carriera che mi vengono riconosciuti, le cose sono già di per sè complesse. Per questo motivo, non ho potuto compilare il piano di studi direttamente on line, ma ho dovuto farne uno cartaceo per far quadrare tutto. L'ho lasciato sulla scrivania del prof. che doveva approvarlo ancora questa primavera (tipo ad aprile), e lui mi ha fatto sapere a GIUGNO che c'era qualcosa che non quadrava... Fortunatamente sono riuscita a incastrare un colloquio con lui in un giorno in cui avevo un esame (quello che ho dato a 6 GIORNI dal parto) e dopo un paio di modifiche blande tutto sembrava a posto. Un paio di giorni dopo sono stata contatta dalla segretaria dell'uni, che mi ha detto che nel mio piano di studi c'erano dei problemi... che il prof. non aveva riscontrato, anzi aveva contribuito a creare. -.-' Grazie al cielo ho trovato la segretaria più sveglia dell'universo - cosa assai rara nella mia esperienza universitaria precedente - e anche molto gentile, che saputa la mia situazione mi ha evitato un ulteriore viaggio a Milano e mi ha mandato per posta i documenti da modificare, studiando al meglio la situazione dei miei crediti riconosciuti. Mi ha dato le dritte giuste e così, dopo il parto, ho rispedito tutto convinta che il peggio fosse passato. La segretaria mi ha scritto via mail dicendomi che per l'approvazione definitiva avrei dovuto aspettare settembre, perché ormai tutti i prof. erano in ferie. Ma ad agosto, bazzicando sulla pagina della mia carriera on line, scopro che l'esame di Storia della Lingua Italiana che avevo sostenuto a giugno per 12 cfu mi è stato registrato da 9 cfu. Mi prende un colpo e inizio a tartassare di mail la segreteria, da cui mi viene risposto che è IMPOSSIBILE sostenere quell'esame da 12 cfu, perché il regolamento di facoltà non lo consente... Io allora mando una mail infuocata, dicendo che mi è stato permesso mettere questo esame da 12 cfu nel mio piano di studi (cfu necessari per accedere all'insegnamento) e che sul mio libretto questo esame è stato appunto registrato da 12 cfu. Scrivo anche alla professoressa, che si mette pure lei in contatto con la segreteria: salta fuori l'inghippo, e cioè che per questo insegnamento è possibile sostenere due esami da 6 cfu, ma non uno solo da 12... no cioè, PARLIAMONE. O_o Pare che nemmeno la prof. lo sapesse, guarda un po'. Però forse il mio tono ha smosso un po' i c--i dell'intera segreteria e quindi è spuntata la soluzione: la prof. deve passare in segreteria a correggere il verbale dell'esame (non so nemmeno se sia una cosa legale, in realtà) scrivendo che l'ho sostenuto da 6 cfu, e poi potrò verbalizzare ad un prossimo appello un altro esame da 6 cfu... per un totale di 12 cfu totali... olè! Peccato che la prof. a tutt'oggi non abbia fatto nulla e non abbia nemmeno più risposto alle mie mail... spero che sistemi tutto al più presto, anche se per fortuna ho dalla mia tutto l'infinito scambio di mail con la segreteria che testimonia la mia buona fede e il fatto che io mi sia mossa per tempo.

Ecco, questo è quello che proprio non mi mancava dell'università.

Altre cose, invece, mi mancavano, come il profumo dei libri, il conto delle pagine che calano a mano a mano che vengono studiate, la voglia di raccontare al maritino e alla mother le cose interessanti scoperte. Dio, come mi mancavano. Ma questa è un'altra storia.

Tanto per aggiornarvi, visto che latito di brutto ultimamente, ecco la mia situazione universitaria: ho dato 3 esami dal 23 maggio al 18 giugno, portando a a casa un 28, un 29 e un 30... massima soddisfazione!! :-) Poi ho ben pensato di farne un altro il 2 ottobre, studiando con Giorgio in braccio o mentre dormiva, saltando il pranzo quando il maritino non tornava dal lavoro in modo da ottimizzare i tempi... scoprendo 24 ore prima che il prof. sia era sbagliato a dirmi il programma per i non frequentanti via mail e che quindi dovevo aggiungere due saggi per un totale di 100 pag., lette alla bell'e meglio la mattina stessa dell'esame (che per fortuna è stato di pomeriggio)... Nonostante tutto, e nonostante un'interrogazione surreale con domande assurde, ho portato a casa un 25, che per una perfezionista come me non è proprio il massimo, ma che mi devo convincere che sia stato un risultato meraviglioso a 3 mesi dal parto! ;-)
Ora mi mancano 3 esami tosti più la tesi... vediamo cosa riesco a fare! Pregate per me! ;-)

Quando Giorgio ha compiuto un mese ho ricominciato le ripetizioni per 2 ore a settimana... dai primi di settembre le ore sono diventate 5, poi 10, poi 15... Di solito tengo il cucciolotto con me, perché incastro le ore nei momenti in cui dorme... In alcuni casi invece lo lascio ai nonni, anche se con qualche senso di colpa... ma direi che per ora l'organizzazione è ok!

Giorgio sta bene, pesa più di 6 kg e soprattutto è un angelo che sorride sempre e mi dà le gioie più grandi!! Spero di riuscire ad aggiornarvi più spesso d'ora in poi!

7 commenti:

Robin ha detto...

Che esperienza! Purtroppo l'università è fatta anche di questo, ma da quando ho iniziato a lavorare mi manca moltissimo - anche perchè non è che il lavoro fuori dagli atenei sia sempre più organizzato ;)
Complimenti per i successi e per la tua organizzazione con un bimbo così piccolo! Non è per niente scontato riuscire ad incastrare tutto

Insight ha detto...

"Giorgio è un angelo che sorride sempre"
Bene, molto ma molto bene! :D
Bacioni!

mp d ha detto...

Oh, che bello leggerti di nuovo!

Peggy Lyu ha detto...

Finalmente sei tornata! spero che le cose ocn l'università si sistemino...
un bacione al tuo Giorgio..chissà che bello che è!

ImperfectWife ha detto...

Ok, proprio oggi è stato tutto sistemato... con un po' di pazienza si riesce a far tutto! ;-) Per fortuna dopo due lauree sono diventata molto scaltra in ambito burocratico, perché se non sollecitavo io non so come sarebbero andate a finire le cose! :-D
Bacioni a tutti!

Giornalista Chiacchierona ha detto...

Ahh ma allora eri tornata con un altro post e non me n'ero accorta ancora :P
Che bello che stai reagendo al volo...
Un esempio di mamma stile Wonder, che non si lascia scoraggiare dalla presenza di un figlio e reagisce e ritorna in pista più forte di prima!!
Ottimo, anche perché pensare che stai studiando, lavorando e facendo la mamma, a guardare da fuori.... non può che essere un grandissimo orgoglio :)
Un abbraccio al piccolo e sorridente Giorgio, la new entry nel nostro gruppo di ragazze!

ImperfectWife ha detto...

:-)))