domenica 11 agosto 2013

Pantaloncini fucsia e circondarsi di amici

Ieri mi sono svegliata male. Ma proprio molto male, a metà tra la voglia di piangere fino allo sfinimento e quella di urlare e distruggere tutto. Dopo un attimo di inquietudine, ho fatto un paio di conti (sì, non me lo segno mai) e ho scoperto di essere in piena sindrome pre-mestruale. Quindi tutto sotto controllo: diamo la colpa agli ormoni e siamo a posto. Però qualche stratagemma per superare la crisi bisogna pur trovarlo, e allora ieri il mio è stato quello riassunto nel titolo: comprarmi un paio di pantaloncini fucsia e chiamare a raccolta gli amici che più mi fa piacere vedere. 
Partiamo dall'acquisto: alla modica cifra di 5 euro al mercato, mi sono presa questi shorts (molto short) fucsia; ne avevo già un paio dello stesso modello, solo beige, colore che il Maritino adora. Io un tempo lo odiavo, ma adesso ci ho fatto l'abitudine e mi piace anche . Il mio colore preferito però resta il fucsia, che al Maritino non entusiasma per nulla. L'ho scoperto non molto tempo fa, tra l'altro, rimanendoci abbastanza male visto che invece io ho vari vestiti di quel colore. Uno dei miei problemi è che spesso cerco più di accontentare gli altri che me stessa, e infatti da quando lui mi ha detto cosa pensava del fucsia non ho più preso un vestito di quella tonalità. Ieri, invece, dopo averne praticamente acquistato un paio blu, ho cambiato idea e l'ho sostituito con uno fucsia fiammante. E ho deciso che me ne sarei fregata di quello che poteva pensare il Maritino, ma anche chiunque altro. A me quegli shorts piacciono un sacco, anche se sono corti e se all'inizio avevo detto che li avrei portati solo al mare perché forse per una mamma non sono il top. Poi ho pensato che peso 2 kg in meno di quando sono rimasta incinta, dimostro meno dei miei anni e - soprattutto - ho il diritto di fare quello che mi pare fino a che non va a ledere la libertà altrui. Quindi, con un bel fan***o mentale a chi poteva pensarla diversamente, me ne sono tornata a casa con i miei bei pantaloncini e li ho subito messi. Quando il Maritino è tornato, mi ha chiesto se erano nuovi e io gli ho risposto di sì, senza aggiungere la classica domanda: "Ti piacciono?". Tanto sapevo che la risposta sarebbe stata un "ni" di sufficienza, quindi perché chiedere? A me sono piaciuti e me li sono presa, punto. A lui piacciono i marroni/beige/verde marcio/grigi che io non ho mai sopportato, ma a forza di vederglieli addosso ho allargato gli orizzonti. Lo farà anche lui, se no PAZIENZA. 
Questo primo passo del "faccio quello che voglio" già mi ha fatto stare un po' meglio, quindi sono passata al secondo. Ho sentito un paio di amici per passare un po' di tempo al lago insieme, ovviamente dopo il pisolo del pupo, e mi sono rintronata di chiacchiere. In più, ho invitato per il caffè del dopocena una coppia che adoro, ovvero i genitori del mio alunno più "longevo" che anche se hanno una quindicina d'anni in più di noi ormai sono amici con la A. Davvero, lei mi ha visto entrare e uscire da casa sua 3/4 volte a settimana per anni, perciò è una delle pochissime persone a cui basta guardarmi in faccia per capire se sono stanca/triste/preoccupata, a volte mi sembra che mi conosca meglio di mia madre. Abbiamo un carattere similissimo e la stimo come persona, come madre e come donna. Quindi chi meglio di lei per una serata di chiacchiere?
Non è che la s.p.m. sia passata eh, però perlomeno ho evitato di scassare tutto il giorno il Maritino, cosa che capita quando siamo soli e lui diventa il para-fulmine per le mie tempeste ormonali!

PS: questo post mi è nato dopo aver letto Mammadisera e il suo Acida, con annessa "richiesta di aiuto"... se avete altri metodi per sconfiggere la s.p.m. sono ben accetti! :-D

6 commenti:

Nina ha detto...

Mi piace moltissimo leggerti, questa sera sei la mia lettura della buonanotte.

Quando ero al liceo, il mio compagno di banco storico - spalla a spalla per 8 anni - Sgamava PRIMA DI ME la mia s.p.m. entro la prima ora di lezione!!! Direi che l'unico modo per resistere è prenderne atto e torturare mariti, fidanzati, fratelli, compagni di banco o chi ci pare specificando che siamo in piena s.p.m.

Nina :-)

Mamma Avvocato ha detto...

Di trucchi efficaci non ne ho ancora trovati, a parte fare sport, se si può, quello mi aiuta.
I tuoi stratagemmi, però, mi piacciono molto!!
A volte penso che dovremmo fare più come gli stranieri, che si mettono addosso abbonamenti di colore e modelli di vestiti improbabili anche quando il fisico, l'occasione o l'età non lo consiglierebbero.
In fondo, almeno ogni tanto e' bello dire chissene...se poi ti stanno pure bene, perché non buttarsi?
Quanto agli amici...vederli riporta sempre il buon umore!

mammadisera ha detto...

Ora faccio due calcoli, e la prox volta che ho la cris pre mi segno di invitare degli amici per una pizza o bere un caffè con un'amica, sicuramente funzionerà... almeno mi distrarrò da quel nervosismo e voglia di spaccare tutto. Quando ho iniziato a leggere mi son detta "mi sentivo proprio così". grazie x la cit.

ImperfectWife ha detto...

@Nina: grazie!!! Anch'io ti leggo volentieri, anche se spesso non ho tempo per commentare! Che mitico il tuo compagno di banco! ;-)
@Mamma Avvocato: è proprio vero, anch'io dopo l'acquisto dei pantaloncini mi sono detta che a volte vorrei proprio essere meno "misurata"... e permettermi di andare in giro senza abbinare i colori, giusto per sentirmi allegramente arlecchina! Per il buonumore secondo me è un ottimo metodo!

@Mammadisera: grazie a te per avermi ispirato questa riflessione... questo mese la spm mi ha preso proprio male! ;-)

zark ha detto...

Ciao complimenti per il tuo blog ;)volevo chiederti un parere scrivimi a zzarkino@yahoo.com

ImperfectWife ha detto...

Che genere di parere?!